martedì 18 ottobre 2011

di corsa

e' andata bene: tranne qualche particolare, il progetto e' stato approvato. Ora comincia la grande corsa: la mattina sono l'inviata di tv talk, il pomeriggio la coordinatrice del portale. Finiro' per chiedere alla giornalista del tg3 notizie sulla repubblica dei lettori e al blogger letterario cosa si prova a raccontare in diretta la rivolta. Torno a casa trafelata, mangio pasta e zucca con il figlio e il nipote svizzero, che ormai qui ha messo radici; prima di andare a vedere Sorrentino con Giulia incrocio la figlia che mi da' una buona e una cattiva notizia. La buona e' che ha preso 8 al compito di francese, la cattiva che ha intenzione di votare azione non so che cosa al consiglio di istituto. Le urlo, non puoi votare la destra, questo non me lo puoi fare. Lei risponde, non e' il Blocco, quelli offrivano corsi di autodifesa, questi parlano di un giornale scolastico, del concerto di natale, di cose concrete, quelli di sinistra non avevano in mente niente. Ora scappo al cinema e per il momento cerco di concentrarmi sulla buona notizia.

Nessun commento: