sabato 26 novembre 2011

sabato mattina

sette e mezza: il marito si rigira pesantemente nel letto e mi sveglia. Stavo dormendo così bene. Mi alzo, faccio colazione, mi preparo per la palestra. Alle dieci sono a casa. Dobbiamo andare in polizia per il documento del figlio che a dicembre va in Olanda con la scuola. Una volta arrivati tutti e quatto al commissariato, mi rendo conto di non avere con me ne' il passaporto del figlio, ne' i dati della professoressa che li accompagna. Il marito vorrebbe sbranarmi, pensi solo alla tua ginnastica, sei incapace di organizzare alcunché. Prima che si scateni una lite familiare, il poliziotto si trasforma in un angelo: cerca sul computer i dati del passaporto e trova in una cartellina la richiesta di un compagno di classe del figlio con sopra annotato tutto ciò che riguarda la prof. Fucili. In circoscrizione non siamo altrettanto fortunati: arriviamo alle undici e cinque per fare le carte d'identità ai figli, alle undici hanno chiuso. La figlia attacca un capriccio che non finisce più. Vuole andare a vedere le macchinette usate da un concessionario (abbiamo di nuovo accantonato l'opzione motorino che mi da' troppa ansia per tornare all'idea della macchinetta). Mi trovo a perorare la sua causa, contro l'opposizione del marito. Arriviamo sulla Trionfale, una tizia molto chic ci guarda dall'alto in basso, hanno solo un usato che costa una cifra iperbolica. Accanto a noi un ragazzetto pariolino con il naso all'insu', la mamma e la nonna rifatte, sta completando un acquisto. Le costosissime e fragilissime macchinette vanno via come il pane. Ce ne andiamo. La figlia riprende a piagnucolare: non ci vedo più, le urlo in testa, cosa vuoi, che compriamo la prima che c'e'? Cos'e' questa fretta? Non ti accontenti mai, non sai aspettare, sai solo pretendere. Ora un attimo di tregua per il pranzo. Il pomeriggio accompagno la sorella svizzera a scegliere un vestito da indossare per la visita al papa con il marito scienziato. Speriamo che questa uscita sia più distensiva di quella mattutina.

Nessun commento: