sabato 19 novembre 2011

Scialla!


c’e’ un momento in Scialla! in cui pensi che Francesco Bruni, regista e sceneggiatore del film, abbia rovinato tutto, appiccicando un inutile lieto fine alla vicenda, ma non e’ cosi’, ci sei cascato come c’e’ cascato il protagonista adulto, alla fine non c’e’ spazio per false redenzioni ma solo per un cauto ottimismo. Bruni mette in scena con humour ed efficacia l’incontro scontro tra due generazioni devastate: quella dei padri che hanno perso per strada il loro idealismo e ormai tirano solo a campare e quella dei figli, fieri della loro ignoranza e incapaci di concentrarsi su alcunché . Fabrizio Bentivoglio presta all’ex professore la sua stanca autorevolezza, la sua rude dolcezza; Filippo Schicchitano, troppo grande per fare il sedicenne, e’ comunque molto espressivo (quante delle parole e delle movenze sgraziate di mia figlia ho ritrovato nelle sue). E finalmente una scena in cui un uomo si dichiara immune dal fascino della puttana, per bella ed esperta che sia: era tanto che al cinema non si raccontava una cosa cosi’.

Nessun commento: