domenica 15 gennaio 2012

a spasso

oggi non abbiamo fatto altro che passeggiare e chiacchierare, chiacchierare e passeggiare, la mattina in quattro sul lungolago soleggiato tra papere e cigni (io, il marito, mia sorella e papà), il pomeriggio in due (io e mia sorella sulla collina panoramica dove abita lei). Il bello di arrivare a cinquant'anni, o a quarantotto, insomma il bello di vivere a lungo, è poter mutare prospettiva. Ieri sera a cena ricordavo come erano difficili i rapporti tra me e Maddalena quando eravamo piccole, come mi sentivo schifata da lei quando vivevamo sotto lo stesso tetto. Ora che siamo due mature signore che risiedono in città distanti qualche ora di aereo, scopriamo il piacere di passare insieme del tempo, di vedere i nostri figli intrattenersi tra loro come se si fossero lasciati da un giorno e non mesi prima. È stata una gita gradevole sotto tutti gli aspetti.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Vabbè, ma il discorso l'hai fatto o no?