giovedì 26 aprile 2012

La bastarda di Istanbul

strano libro La bastarda di Istanbul, molto spiazzante dal punto di vista letterario. L'autrice Elif Shafak è nata nel 1971 da genitori turchi a Strasburgo e vive un po' negli Stati Uniti e un po' a Istanbul. Il romanzo racconta l'amicizia tra due ragazze, dopo averne raccontato le origini. La prima, Asya, nasce a Istanbul e cresce con quattro zie (una di loro è sua madre ma non le dispiace essere chiamata così dalla figlia) e le nonne; l'altra, Armanoush, vive in due Americhe, l'Arizona della madre e del patrigno turco e la San Francisco del padre e della sua famiglia armena. Armanoush decide di andare in Turchia per saperne di più dello sterminio del popolo armeno di cui ha sempre sentito parlare e va ospite della famiglia del patrigno. Il tono del libro è brillante, scanzonato, eppure temi leggeri (come la cucina, la convivenza tra donne, i contrasti tra usanze diverse) si intrecciano da subito a temi tragici, sia sul piano storico (l'eccidio degli Armeni sopra citato) sia sul piano privato (il suicidio, la violenza carnale, l'incesto, l'avvelenamento; a casa Kazanci non si fanno mancare nulla). La Istanbul messa in scena da Elif Shafak è un luogo folle e attraente: quale miglior viatico per questa città?

Nessun commento: