giovedì 12 aprile 2012

reazione

per reagire alla sensazione da pugile suonato che mi ha lasciato l'infausta intervista a Nekrosius, oggi sono stata colta da un insolito fervore. Mentre ero al montaggio per il pezzo sui film del ciclo Mai per amore, ho cominciato a pianificare interviste. Domani vado al piccolo Eliseo per Davide Enia e il suo libro Così in terra, mercoledì a casa di Silvana Gandolfi a farmi raccontare la sua storia di scrittrice per ragazzi. Questo secondo lavoro non e' riconosciuto (manco firmiamo i pezzi sul web), ne' retribuito (il mio stipendio e' sempre lo stesso), eppure non riesco a farlo con distacco, tanto per farlo: mi appassiono e mi stanco, mi diverto e mi stresso. Sto sempre con un libro in mano (ci starei lo stesso) a immaginare domande. Finche' dura.

Nessun commento: