domenica 15 luglio 2012

anticipo di ferie


e così sono ufficialmente in vacanza per una settimana insieme all'euforica figlia recuperata oggi a Fiumicino e al figlio che partira’ sabato per l’Inghilterra. Un piccolo evento: stasera lei mi ha chiesto di accompagnarla al cinema a vedere Marilyn; era troppo stanca per andare in discoteca con gli amici di qui, ma non abbastanza da andare a letto alle dieci. C’e’ rimasta male per la presenza del fratello (aveva pensato a un’uscita a due) e finito il film e’ rimasta un quarto d'ora in paese a vedere chi c'era, ma che piacere ritrovarmi seduta sotto le stelle dell’arena con il figlio da una parte e la figlia dall’altra. Meglio le mie ferie non potevano iniziare. Peccato per il marito richiamato dal suo capo a Roma per una riunione domenicale straordinaria (lo so che sembra più il capriccio di un'amante che un'emergenza lavorativa, ma io gli credo e mi dispiace per lui).

1 commento:

Anonimo ha detto...

La riunione di domenica fa cosi film dei vanzina che e' per forza vera!