lunedì 20 agosto 2012

senza libri

la partenza era fissata alle nove: Sara, l'amica della figlia, che dopo varie discussioni avevamo ottenuto di portare con noi in barca a Ischia, era stata convocata per quell'ora. Mi sono svegliata alle sette, ho messo un po' in ordine la casa (avevo appena finito il ciclo continuo di lavatrici e al ritorno dovrò ricominciare da capo), ho svegliato gli altri. Poi il caldo mi ha tolto lucidità: come uno zombie ho fatto i bagagli e ora che stiamo partendo mi sono accorta di aver lasciato a casa il kindle e di aver portato solo Molto forte, incredibilmente vicino, di cui sono già a pag.100. Al momento la mia maggiore preoccupazione riguarda l'esistenza di una libreria a Forio. Mi accontento anche di un giornalaio ben fornito.

Nessun commento: