mercoledì 3 ottobre 2012

Leone e Serena

da un po' di tempo alla radio passa uno spot istituzionale, credo su un sussidio per i nuovi nati. A colpirmi e' il testo che precede il lancio dello spot: una voce di uomo annuncia che se il bambino nascerà maschio si chiamerà Leone: cio' servira' a dargli coraggio. La bambina invece si chiamerà Serena. Perché sopporti con serenità quel bullo di Leone? Almeno nella pubblicità pagata con i soldi dei contribuenti si puo' fare a meno di questa decrepita visione dei sessi?

Nessun commento: