giovedì 29 novembre 2012

forza morale e nervi saldi

mi avrebbe dovuto mettere in allarme l'inconsueta telefonata da Napoli di martedì. Papa' mi aveva chiamato all'ora di pranzo senza niente di particolare da dirmi: era a casa di sua sorella, le cose andavano abbastanza bene, noi come stavamo? Tutta presa dai fatti miei non avevo dato peso al suo tono un po' ansioso e ieri al telefono mi era parso tranquillo. Invece stamattina aveva appuntamento con il suo dermatologo, un appuntamento non richiesto da lui, ma dal dottore, che l'aveva pescato la mattina del viaggio a Napoli, chiedendogli di raggiungerlo appena possibile. Papa' non aveva detto niente a nessuno e aveva cercato di non pensarci troppo, ma ieri per la preoccupazione non era riuscito ad andare al suo tango. L'esame istologico dell'ultimo neo asportato ha evidenziato un melanoma. Fortunatamente e' al primo stadio e forse non sarà necessario intervenire di nuovo sulla spalla. Deve comunque fare al più presto una tac. Papa' aveva gia' comprato il biglietto per andare da Virginia a Padova e lunedì aveva un appuntamento a Milano. Ha chiesto al dottore se poteva rispettare i suoi piani e questo gli ha detto di si'. Così parte. Sono piena di ammirazione e riconoscenza per il modo sereno che ha di affrontare le avversità senza cedere a paura ne' angoscia.

Nessun commento: