mercoledì 14 novembre 2012

scene da Napoli

gita a Napoli per la presentazione di una serata di Raiuno dedicata alla musica. Scendendo dal treno, incontro tre tipe dell'ufficio stampa che gentilmente mi offrono un passaggio in taxi. Quella che si siede davanti si allaccia la cintura e dice al tassista, mi sa che sono la sola con la cintura in tutta la città. Lui fa finta di non capire, lei insiste, non è qui che si va in tre in motorino? Lui, a muso duro, ribatte che la sua macchina ha le cinture anche dietro e ci invita ad allacciarcele, poi indica dei motociclisti con il casco. Per un attimo pensiamo che sia furioso, ma quando lei gli chiede come si arriva in macchina a Fuorigrotta, si profonde in spiegazioni come se accanto a sé avesse la sua migliore amica.

Arrivata al centro di produzione della Rai, contatto l'operatore. Mentre aspettiamo il conduttore, mi invita a fumare una sigaretta. Gli dico che non fumo. Hai smesso? No, non ho mai fumato. Mi guarda perplesso e deluso. Pensavo che tu fossi una da centri sociali. Mentre penso, ma come mi sono vestita stamattina?, gli dò un'altra delusione, non ho niente contro i centri sociali ma non ci sono mai stata. Vabbe', neanche io, se per questo, ma i no global? Sei d'accordo con loro? Questa soddisfazione mi sento di dargliela e risolta la questione della mia collocazione socio-politica, ci mettiamo ad aspettare che il conduttore smetta di fare le bizze e mi rilasci l'agognata intervista.

Altro tassista al ritorno. Mi chiede da dove vengo, mi racconta che a Roma è stato solo due volte, l'ultima per una manifestazione di tassisti. Si parla di turismo, gli dico che non ho mai visitato Capodimonte. Lui tira fuori una cartolina usata di quelle a riquadri. In uno c'è una statua di Cristo. È il Cristo velato di marmo che sta vicino a casa mia, è incredibile, addosso ha un velo che sembra vero, mi dice commosso. Quasi quasi farei una deviazione, andrei a vederlo quel Cristo. Invece banalmente mi faccio portare in stazione.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Non si perda il Cristo velato e tutta la cappella di Raimondo di Sangro. Merita una visita speciale. Più dei conduttori.