domenica 27 gennaio 2013

A Royal Week End


in A Royal Week End (ma per restare sull’inglese perché cambiare il titolo originale Hyde Park on Hudson?)  si intrecciano in modo armonioso tre temi forti: le relazioni di reciproca curiosita e velato disprezzo tra Stati Uniti e Inghilterra nella prima meta' del Novecento; l’istintiva simpatia tra due capi di stato segnati da handicap (il mancato uso delle gambe per Roosevelt, la balbuzie per Giorgio VI); la difficoltà per una donna innamorata di accettare di essere parte di un piccolo harem. Laura Linney e’ la timida cugina di quinto grado del presidente americano: convocata da lui, cede al suo fascino e alla sua imprevedibilità (chi non cederebbe a Bill Murray?), salvo poi scoprire che lui ha un solido rapporto con la moglie e che altre donne ne allietano il tempo libero. Se ne fara' una ragione, così come la regina d’Inghilterra si fara' una ragione degli hot dog serviti a pranzo a suo marito. Non mi aspettavo molto da questo film; l’ho trovato molto gradevole e intelligente.

1 commento:

Anonimo ha detto...

totalmente d'accordo: chi non cederebbe a bill murray...