lunedì 28 gennaio 2013

il mio disorientamento raccontato da un maestro

"In pochi minuti ti perdi senza scampo: e anche al chiuso, ogni volta che ti trovi all'interno di un edificio che non ti e' familiare ti incamminerai nel corridoio sbagliato o prenderai l'ascensore sbagliato... La maggioranza delle altre persone... sembrano in grado di ritrovarsi senza difficoltà. Sanno dove sono, dove sono stati e dove andranno, ma tu non sai niente, sei perso per sempre nel momento, nel vuoto di ciascun successivo momento che ti avvolge, del tutto ignaro di dove sia il nord perché per te i quattro punti cardinali non esistono, non sono mai esistiti." Paul Auster, Diario d'inverno, Einaudi 2012

Nessun commento: