mercoledì 16 gennaio 2013

Nord e Sud


l’eroina del romanzo di Elizabeth Gaskell, Nord e Sud, e’ una giovane donna di nome Margaret. E’ vissuta a Londra dalla zia ricca, e’ legata a sua cugina, ma quando questa si sposa, lei e’ felice di tornare dai suoi nell’amata campagna e rifiuta una buona proposta di matrimonio. A casa l’aspetta una brutta sorpresa: il padre ha deciso di lasciare la chiesa e il suo incarico di parroco. Diventera' istitutore e dovranno trasferirsi nel Nord industriale (siamo nell’Inghilterra di meta' Ottocento). Milton, la cittadina che accoglie Margaret e i suoi genitori, all’inizio appare come un luogo diabolico, abitato da persone fredde e inospitali.  Thornton, il proprietario della fabbrica, che studia i classici con il padre di Margaret per pura passione, e’ molto attratto dalla ragazza e ne viene prontamente respito. In più di cinquecento pagine Gaskell racconta l’evoluzione di Margaret, la sua scoperta della realtà operaia e delle virtù di un uomo che riteneva il suo opposto. Tra i personaggi che fanno grande questo libro spicca la madre di Thornton: la classica vedova innamorata del figlio e ferocemente protesa a proteggerlo dalle altre donne. Tradotto da Laura Pecoraro, pubblicato dalla casa editrice Jo March (!) di Citta' di Castello.

Nessun commento: