mercoledì 6 marzo 2013

le pagelle del nonno


tra le cose che mi agitano in questo momento la situazione politica del paese e’ sicuramente al primo posto. Non so invece a che punto del mio irritrometo si collochino le pagelle sui nipoti che mio padre continuamente aggiorna. E’ piu’ forte di lui (come quando noi tre eravamo piccole e sentiva il bisogno di catalogarci nella brava, la buona e la bella, seminando dei germi di competizione che credo non si estingueranno mai), ora che ha sei nipoti, e’ sempre li’ a stilare una classifica, a distribuire voti. Lo fa con amore, con preoccupazione; li vorrebbe tutti bravissimi buonissimi bellissimi; spera che gli uni siano di esempio e di stimolo per gli altri. Ai ragazzi, che lo prendono cosi’ com’e’ e gli vogliono bene, di queste pagelle non importa niente. Io ne farei volentieri a meno.

Nessun commento: