martedì 23 aprile 2013

l'istinto del segugio

vado a intervistare una conduttrice televisiva famosa. Mi dicono di inserire tra le mie domande una su un programma che le era caro e che non sta più facendo. Obbedisco. La conduttrice si esprime a questo proposito con grande rimpianto, ne prendo atto e passo alla domanda seguente. Quando racconto tutto all'autore del mio programma, lui mi chiede, l'hai incalzata? Hai scoperto perché non glielo fanno fare? No, non gliel'ho chiesto. Come segugio di notizie faccio pena, io e gli scoop siamo agli antipodi. Ci sono migliaia di studenti in scienze della comunicazione che venderebbero l'anima per essere al posto mio con i divi della tv davanti e il microfono in mano. Prima o poi qualcuno se ne accorgerà.

Nessun commento: