giovedì 16 maggio 2013

No - I giorni dell'arcobaleno


René (Gael García Bernal, molto bello e molto bravo) e' un giovane pubblicitario. Le sue campagne hanno successo, ha una grande casa, una macchina sportiva. Siamo in Cile nel 1988: dopo quindici anni di brutale dittatura, Pinochet, sicuro di vincere, ha indetto un referendum su stesso. Un amico del padre di René contatta il ragazzo e gli chiede aiuto nella campagna per il no al dittatore. Inizialmente perplesso, René si dedica all’impresa con crescente entusiasmo (forse anche nella speranza di riconquistare la donna con cui ha avuto un figlio, tutta dedita alla causa della rivoluzione). Mentre i compagni vorrebbero mettere l’accento sulle nefandezze del regime, il pubblicitario di talento sceglie di offrire un sogno al paese ferito e lo fa con immagini accattivanti e positive. Vengono in mente i tristissimi poster con il faccione di Bersani che hanno caratterizzato l’ultima campagna elettorale del Pd. A differenza di Bersani, René vince la sua battaglia (che sembrava persa in partenza). La ricostruzione dell’epoca fatta dal regista Pablo Larrain e' molto efficace e il film suggerisce che senza humour, intelligenza, spirito critico e competenze la sinistra non va da nessuna parte.

Nessun commento: