mercoledì 12 giugno 2013

Bookshow

da quattro domeniche sul canale SkyArte è cominciato un nuovo programma sui libri. Si chiama Bookshow ed è prodotto da Minimum fax media (si vede anche sul web). Oggi sono andata con Carlo a intervistare Daniele di Gennaro che è uno dei due fondatori di Minimum fax e l’ideatore del programma. Ci ha ricevuti nella bella sede di Ponte Milvio, sopra la pasticceria e la vineria. Di Bookshow mi piace l'idea di associare una città a un attore che vi passeggia, raccontando le sue letture e il suo rapporto con i libri. Si respira una bella aria: le immagini sono potenti e originali e l'attore recita se stesso alle prese con i testi che ama. Si trasmette l'idea che ognuno è libero di leggere ciò che gli pare e di consigliarlo, che leggere è un piacere e non una questione di status. I libri citati dall’attore (brave soprattutto Francesca Inaudi e Marina Massironi, la prima a Trieste, la seconda a Rimini), dai passanti, dal libraio di turno non sempre sono capolavori, o testi imperdibili, ma si sente che chi ne parla lo fa con passione. Mi piace anche Paolo Calabresi che si aggira facendo domande su classici che tutti pensano di conoscere: si scherza sulle risposte improbabili della gente e poi si riceve in premio il libro per poterlo finalmente affrontare. Non è un programma perfetto, Bookshow (per esempio la voce maschile che sentenzia si poteva evitare), ma è un bel tentativo di parlare di libri fuori dagli studi televisivi e senza un conduttore che sa e trasmette il suo sapere. Da giovane sono emigrata fino a Milano con il miraggio dell’editoria e ora incontro un editore pieno di iniziative, che non si dà arie a due passi da casa mia.

Nessun commento: