martedì 3 settembre 2013

alla presentazione della vita in diretta

bionde platinate conduttrici anoressiche traballanti sui tacchi e ancor più sulle scelte lessicali, colleghi più casual e spigliati (loro possono permettersi il lusso di essere bassi e brutti e sapere quello che dicono), e intorno la corte di autori, registi, capi progetto, capi struttura, direttori e vicedirettori, la corte dei giornalisti, la corte dei fotografi, gli impiegati che scendono dai piani superiori a vedere da vicino le star: viale mazzini stamattina aveva ripreso il suo aspetto circense. I nuovi programmi? Sul solco dei vecchi. I nuovi conduttori? Prendi uno che conduce un programma, lo sposti su un altro: il gioco e' fatto. Siamo leader degli ascolti, e' pericoloso cambiare. E il linguaggio usato? Se sento un altra volta le espressioni rete ammiraglia o programma corazzata sparo.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Boia di un mondo leader