mercoledì 18 settembre 2013

la forza di essere se stessi

il casting di oggi e' stato infinito. A gruppi di otto, dieci, i ragazzi entravano nella sala riunioni e per un'ora, sollecitati dall'autore, si producevano in pareri sui programmi televisivi. Tra tutti mi ha colpito una diciannovenne. Bella, con dei riccioloni rosso cupo che le scendevano fino alla vita. Ma non e' stato tanto il suo aspetto a imporla alla mia attenzione, quanto la cosa che ha detto e il modo diretto in cui l'ha detta. E' intervenuta nel dibattito sui giudici dei talent sostenendo che secondo lei la mania di stroncare violentemente i concorrenti e' sbagliata. Si puo' criticare un'esibizione senza umiliare il candidato, e' un momento in cui c'e' bisogno di trasmettere fiducia, non di dispensare crudeltà gratuita, ha aggiunto. Un parere personale, non particolarmente originale, ma sincero, come l'aver riconosciuto di non aver visto molta tv nell'anno passato per via dell'esame di maturità o di non seguire i talk show politici. E' piaciuta anche agli altri, ed e' stata presa. Essere se stessi ogni tanto aiuta.

1 commento:

azzurropillin ha detto...

chissà come li stanno scegliendo i candidati di masterpiece. e chissà se i giudici di quel talent saranno spietati...
così, domande a caso, disinteressate.