domenica 15 settembre 2013

Perdutamente


al centro di Perdutamente ci sono una vecchia signora malata di Alzheimer e la città in cui la signora vive: Napoli. Anche la città e' malata: cade a pezzi (un giorno un cornicione, un giorno un intero palazzo, o una strada), ed e' in balia del traffico e della spazzatura. Il romanzo di Flavio Pagano, edito da Giunti, racconta questi due mali, l’Alzheimer e il caos napoletano e racconta la famiglia che li affronta entrambi, tra coraggio, disperazione e scoppi di ilarità. Due figli, una nuora, due nipoti, una fidanzata, un ragazzo indiano: questo il nucleo familiare che si stringe intorno alla donna che perde la memoria, affrontando la sfida di non isolarla. La descrizione della progressione della malattia e' accurata ed efficace; la scelta del registro tragicomico molto ardita. Pur divagante e a tratti un po’ sfilacciato, Perdutamente ha il merito di dare voce al dolore in un modo inconsueto.

Nessun commento: