domenica 17 novembre 2013

Venere in pelliccia


l’inizio di Venere in pelliccia con l’incontro tra il regista che sta andando a casa dopo una giornata di provini inutili e l’attrice arrivata in ritardo che lo scongiura di esaminarla e' folgorante. Emmanuelle Seigner e' diabolicamente brava nel passare dall’espressione di oca ignorante a quella di consapevole dominatrice: una volta salita sul palcoscenico, la sua Vanda arruffona fa a pezzi il borioso uomo di teatro, ne smonta le difese, ne demolisce ogni certezza. Polanski mette in scena un adattamento del romanzo Venere in pelliccia di Leopold Von Sacher-Masoch, ma soprattutto mette in scena le dinamiche di coppia, la voglia di dominare e quella di essere dominati. Tutto giocato sul filo di una corrosiva ironia.

Nessun commento: