martedì 31 dicembre 2013

basta un attimo

basta che mettano piede in casa, facciano una doccia ed eccoli rituffarsi nella vita romana. Non ho fatto in tempo a tirare un sospiro di sollievo per la fine delle immersioni subacquee e già ho ricominciato a preoccuparmi per quella macchinetta e quel motorino che sfrecciano in giro con i miei figli alla guida. Roma ci ha accolto piovosa. Una giornata casalinga mi ha ridato le forze perse tra un aereo e l'altro. Stasera cena qui con amici, dieci adulti certi e otto ragazzi che forse si ridurranno ai quattro più piccoli. Cucinano gli altri, che bello.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bentornata