mercoledì 25 dicembre 2013

relax

il figlio, entusiasta delle immersioni, trascina con sé il padre, forzandone la natura anti sportiva, la figlia ha male all'orecchio e segue me nella pigra giornata di lettura e nuotate. Giornata di sole pieno e di vento. Su una lingua di sabbia bianchissima con sopra radi cespugli abbiamo potuto fare due passi. L'istruttore spilungone di Arona è arrivato anni fa alle Maldive come cuoco, poi si è preso il brevetto; all'inizio alternava i due lavori nella stessa giornata. Ha conosciuto qui la fidanzata che è una delle organizzatrici delle crociere. Lei vive a Roma e lui è pronto a trasferirsi da lei non appena trovato un albergo che lo assuma. Cena di natale archiviata: un pasto presentato con sfarzo, gli stessi monotoni e gradevoli sapori delle cene passate. Sottofondo immancabile: la voce del logorroico sudafricano. Non ha neppure bisogno di qualcuno che parli inglese, gli basta che il suo interlocutore faccia sì con la testa. E del resto i meno socievoli siamo noi quattro, tendenzialmente chiusi tra noi; se a bordo ci fosse mio padre saprebbe già i fatti di tutti e tutti saprebbero i suoi.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Vabbè l'estate a sperlonga per noi follower è molto più emozionante