venerdì 17 gennaio 2014

C'era una volta a New York


Ewa (Marion Cotillard) sbarca a Ellis Island con la sorella malata di tisi. Sono polacche, hanno visto uccidere i loro genitori, contano su una coppia di zii, sognano la felicità. Le cose si mettono subito malissimo: la sorella viene portata in ospedale, Ewa finisce nelle grinfie di Ugo (Joachin Phenix, il Commodo del Gladiatore, come sempre bravissimo e di una bellezza inquietante), un tipo che, con la complicità della polizia, recluta prostitute tra le nuove immigrate. Il rapporto tra Ewa e Ugo è tempestoso: lei non nutre illusioni, lo disprezza con tutta l’anima, ma ha bisogno di lui; lui è preso dalla sua bellezza e insieme vuole sfruttarla per arricchirsi. In questo gioco di attrazioni e ripulsioni si inserisce Orlando l’illusionista, cugino di Ugo, che corteggia la traumatizzata Ewa, ma è meno innocente di quello che sembra. Il regista James Gray costruisce il suo melò soprattutto sulle ambiguità di Ugo, il magnaccia dal cuore tenero e dal carattere impulsivo e violento. Lo sfondo è una New York color ocra e marrone, tutta corruzione e divieti. Appassionante, a patto di amare il genere.

Nessun commento: