mercoledì 2 luglio 2014

Romanzo naturale

narratore dispettoso, Gospodinov rifiuta categoricamente di dare al lettore quello che il lettore vorrebbe da lui. Se in Fisica della malinconia racconta meravigliosi episodi di un’infanzia bulgara per poi muoversi in altre direzioni, al centro del suo libro precedente, Romanzo naturale, c’è la crisi di un matrimonio durato sette anni, c’è una moglie incinta di un altro, c’è un marito che va via di casa dolente: pagine di grande intensità, frammenti di Racconto. Il perché di questa scelta lo spiega lo stesso Gospodinov: “il romanzo ideale è quello in cui il filo conduttore fra i differenti episodi è una mosca che svolazza”. Interessanti e divertenti le divagazioni sui cessi e sull’espunzione dei bisogni corporali dalla letteratura e dal cinema, ma verrà il giorno in cui Gospodinov affronterà una storia senza sentire il bisogno di prenderne le distanze? Romanzo naturale è uscito ora in edizione economica da Voland, la traduzione è di Daniela Di Sora e Irina Stoilova.

Nessun commento: