lunedì 4 agosto 2014

le due case

a pranzo ho chiesto a Mattia, amico della figlia, timido ed educato nonostante il vistoso tatuaggio, dell'anno che ha passato in Irlanda, a Cork. Mi ha detto che stare lontano gli ha fatto bene, che lì è riuscito a studiare, a passare l'esame di maturità. Gli ho chiesto anche dove abitasse a Roma, mi ha risposto, ho due case. Ho due case sta diventando la risposta standard degli adolescenti; ha due case anche Ludovica, l'amica del figlio. È la mia immaginazione o è vero che gli occhi di questi ragazzi s'intristiscono quando parlano della casa di mamma e di quella di papà?

Nessun commento: