venerdì 7 novembre 2014

ancora comprite

mentre il figlio geme sotto i colpi del mal di pancia stagionale, il marito è preda di un attacco di comprite acuta. Nei giorni passati all'ingresso di casa nostra c'è stato un affollarsi di pacchi. Sono arrivati in ordine sparso: attrezzi da palestra in saldo, un chilo di mozzarella di bufala, un microfono per la mia telecamera, una lente d'ingrandimento da usare al posto degli occhiali, vari pacchi di pasta, tredici chili di arance, la verdura e la frutta di Zolle, e chissà quante altre cose che mi sono sfuggite o che il marito è riuscito ad occultare. Al telefono gli ho detto che sono preoccupata per lui. Ha troncato la conversazione.    

Nessun commento: