venerdì 12 dicembre 2014

smettere di leggere

l'annunciatore a cui ho affidato i miei testi per la puntata si è divertito molto a dare voce a Verne, Proust, Conrad, Fitzgerald, Ginzburg... Ridandomi le fotocopie, mi ha detto, bello, un tempo ero un lettore. Mi è parsa una frase così strana. Che vuol dire, gli ho chiesto, non leggi più? Ha detto leggo solo cose leggere e aveva un'aria avvilita. Io ho poche certezze nella mia vita: una di queste è che le storie scritte continueranno in un modo o in un altro ad accompagnarmi fino al mio ultimo momento di lucidità. Smettere di leggere, che assurdità.

Nessun commento: