lunedì 9 marzo 2015

le bizze del figlio

non ti abitui mai alle bizze dei figli adolescenti, riescono a ferirti come poche altre cose. Oggi ho fatto tutto di corsa, le telefonate in rai, la riunione, le letture di Fenoglio, poi tappa dal macellaio e alla coop. Il mio pensiero era fisso sui quattro primi canti dell'Inferno su cui il figlio sarà interrogato domani mattina. Pensavo di aiutarlo nella parafrasi e poi nel ripasso. È da ieri sera che è di umore pestifero e la giornata trascorsa non gli è servita a calmarsi. Ho aperto la porta di camera sua con il fiatone e lui mi ha detto semplicemente, vattene. Vorrei non prendermela e invece ci sto malissimo.

2 commenti:

manuela ha detto...

come potresti non prendertela? sarebbe disumano, nel senso più stretto del termine.
ripetiti che è solo una fase, aiuta sempre. :-)

Anonimo ha detto...

È' solo una frase, e' solo una frase di un adolescente!!!