lunedì 13 aprile 2015

Una nuova amica


giocando sui labili confini tra eterosessualità e omosessualità, François Ozon mette in scena Claire, una giovane inconsolabile per la perdita prematura della sua migliore amica Laura, che scopre un esaltante legame con il marito di questa, David, appassionato di vestiti da donna, tacchi e trucchi. Claire rivuole Laura, la complicità e l’attrazione reciproca che la legavano a lei fin da bambina; David vuole qualcuno con cui condividere il suo segreto ora che Laura non c’è più: tra i due però c’è Gilles, il marito di Claire, che è contento di vedere la moglie riprendere interesse alla vita, ma è anche geloso di lei e forse attratto da David di cui percepisce l’ambiguità. La prima parte del film scorre veloce, poi il meccanismo s’inceppa, non si sa più dove andare a parare, e si ricorre al classico incidente quasi mortale che mette tutti di fronte ai propri sentimenti e alle proprie responsabilità. Grande l’interpretazione di Romain Duris, che all’inizio vestito da donna sembra improponibile, e invece sa muoversi con perfetta femminilità.

Nessun commento: