domenica 30 agosto 2015

meglio Zannone

le Pontine sono una più bella dell'altra, ma mentre a Palmarola e Ponza a fine agosto si concentra il peggio della ricca borghesia romana, ansiosa di farsi vedere e sentire (stereo delle barche a mille, urla e schiamazzi), Zannone attira solo gli amanti del mare. È lì che stamattina abbiamo trovato rifugio, scappando dall'arco naturale di Ponza, dove avevamo passato la notte. C'era una splendida luna piena e anche i nostri poveri maccheroni al tonno ieri sera sono stati nobilitati dall'atmosfera. Ma già dalle nove di mattina sembrava di essere in un bar dei Parioli, con gommoni che si attaccavano a yacht e barche a vela e tutto un levarsi di grida. Non eravamo soli a Zannone; la gente che c'era però era impegnata a guardar giù con la maschera, a pescare o a prendere il sole sui sassi neri delle due spiaggette. Un'altra vita. Ora stiamo tornando, pianissimo, senza alcuna fretta.

Nessun commento: