martedì 4 agosto 2015

Piccoli eroi


Piccoli eroi l’ho ricevuto dalle mani di Anna Tagliavini che insieme a Maria Baiocchi lo ha tradotto per Playground. Tre racconti di Allan Gurganus: racconti densi, intrisi di pietà e umorismo, una scrittura potente con un respiro tutto suo. Si parte da Beata rassicurazione, in cui incontriamo un diciannovenne squattrinato che passa dal vendere enciclopedie a domicilio al più remunerativo business delle assicurazioni sui funerali. Jerry entra nelle misere case di anziani neri e si fa consegnare gli spiccioli della quota prevista; basta accumulare due settimane di ritardo e, nonostante le ingenti somme versate, il sogno del funerale sontuoso va in fumo. La raccomandazione del capo di non far capire ai suoi clienti che ha un cuore che batte nel petto vale finché Jerry non s’imbatte in Vesta Lotte Battle, un’anziana ricca solo di dignità con la casa piena di bambini. Sono ragazzi anche i due protagonisti degli altri racconti, Uno di quelli e Eroismo minore. Il primo descrive il trauma subito per l’arresto del suo idolo Dan, un uomo bellissimo e molto popolare, incastrato da un poliziotto omofobo nel bagno di un grande magazzino grazie al figlioletto usato come esca per omosessuali. Il secondo di un padre che ha bombardato Dresda e fatica a tornare per terra e a comportarsi da persona civile. La fatica di crescere, i lati oscuri del vivere associato, il senso di giustizia e l’affermazione di sé sono tra i temi preferiti di questo grande scrittore americano.

Nessun commento: