sabato 10 ottobre 2015

Io e lei

Io e lei racconta una relazione tra due persone con caratteri molto diversi: una delle due sa quello che vuole e lo sa con grande forza e con determinazione, l’altra è molto più fragile e indecisa, si sente trascinata nella coppia, e questo le impedisce di riconoscercisi appieno. Poi c’è anche la complicazione che si tratta di una coppia gay, e mentre Marina sa da sempre di amare le donne, Federica pensa che il suo amore per Marina rappresenti un’eccezione nella sua vita. Sabrina Ferilli (Marina) in questo film di Maria Sole Tognazzi è piena di energia, brava come in Sorrentino, come in Virzì, e accanto a lei Margherita Buy (Federica), più nevrotica di sempre, sembra una pianta sfiorita. Che Federica ceda alla corte di un ex spasimante per far contenti il figlio e l’ex marito e si ricreda nel giro di qualche mese è abbastanza scontato. Da due sceneggiatori come Ivan Cotroneo e Francesca Marciano (insieme alla stessa Maria Sole Tognazzi) ci si aspettava di più.


(un po’ come È arrivata la felicità, la serie di Cotroneo, Bises e Rametta appena iniziata su Rai Uno: piena di banalità nonostante qualche personaggio felice e qualche battuta azzeccata)

1 commento:

Anonimo ha detto...

Il film giusto per riprendersi da quel popò di pranzo di cui al post precedente?