sabato 31 ottobre 2015

La legge del mercato


Thierry è un cinquantenne con un figlio disabile, ha perso il suo impiego, non vuole fare causa al datore di lavoro, ha fatto un corso da gruista che non gli serve a niente, viene assunto come sorvegliante in un supermercato dove si può essere licenziati per  un buono sconto. Il film di Stéphane Brizé ci mostra Thierry (un meraviglioso Vincent Lindon che recita per sottrazione) alle prese con persone che gli dicono quello che deve fare e non deve fare. Lui è sempre misurato, disponibile; non si lamenta, non impreca, non si deprime, sembra avere una capacità di sopportazione senza limiti. Nel tempo libero segue un corso di ballo con la moglie. Lo spettatore segue il susseguirsi di scene deprimenti chiedendosi come andrà a finire. Finale spiazzante e amaro, come il resto del film. 

Nessun commento: