sabato 7 novembre 2015

ieri e oggi

ieri mi sentivo in fin di vita. Avevo deciso di fare la colonoscopia che il dottore di mio padre mi aveva caldamente raccomandato mesi fa, e mi ero preparata al peggio. Quando ho firmato l'autorizzazione ad asportare eventuali polipi, pensavo, sì vabbe', mica me la caverò così, dovranno di sicuro operarmi, sempre che io sia ancora in condizioni di essere operata. Non avevo paura dell'esame ma del suo responso. Mi sono addormentata con il sorriso premuroso dell'anestesista e la mente oppressa da oscuri presagi, e mi sono svegliata con il dottore che mi diceva, tutto a posto, possiamo rivederci tra cinque anni. Oggi sono al mare con il marito: tempo stupendo, gita in barca, mozzarella e pomodori che mi ripagano del digiuno, l'ultimo Yehoshua da cui fatico a staccarmi. Sono un'altra.

1 commento:

Anonimo ha detto...

😍😍😍😍😍😍😍