domenica 8 novembre 2015

Il re non ha sonno

Cécile Coulon ha scritto Il re non ha sonno a ventidue anni e alle spalle aveva già varie pubblicazioni. Scrivere sa scrivere: ha uno stile molto personale, scelte lessicali inconsuete, ma il tono del libro è troppo uniformemente cupo, come succede spesso ai giovani scrittori (essere tetri è più facile che essere divertenti, su questo non ci piove). Il romanzo si apre con l'arresto di  Thomas, poi torna indietro e ci parla di William, il padre del protagonista, del suo duro lavoro per comprarsi una casa e un terreno. William sposa Mary, che si occupa delle faccende domestiche. Il loro bambino ha un'aria fragile e fino ai due anni non parla: la madre stravede per lui, il padre lo considera una delusione. William si ferisce e muore di cancrena. Siamo in un'America di provincia in un periodo non specificato. Thomas studia ed è devoto alla madre; dopo un periodo difficile le cose sembrano andare bene, poi tutto precipita. Precipita in modo non troppo convincente, perché tragedia doveva essere e tragedia è. Insomma. Tradotto da Tatiana Moroni per Keller.

Nessun commento: