venerdì 25 dicembre 2015

Amori e foglie di tè

allieva ad Harvard di Jamaica Kincaid, Vasugi Ganeshananthan ha tirato fuori un romanzo dalla tesi di laurea sulla propria storia familiare. Amori e foglie di tè parte dall'incontro in Canada della protagonista e io narrante, la ventiduenne Yalini, con la cugina diciottenne Janani. A Toronto Janani è venuta ad accompagnare Kumaran, il padre malato terminale di cancro. Sarà la famiglia di Yalini a occuparsi di lui ora che non può più combattere con le sue Tigri in Sri Lanka. Il confronto è quello tra una ragazza di origine tamil nata e cresciuta negli Stati Uniti e una ragazza tamil, figlia due guerriglieri srilankesi, rimasta orfana di madre e promessa sposa a un giovane combattente. Mentre Yalini, che è nata nel luglio 1983 - per i tamil il luglio nero, in cui sono divampate le violenze contro di loro - è piena di domande sugli scontri in Sri Lanka, sui torti e sulle ragioni in campo, Janani crede fermamente nella lotta armata. Purtroppo non basta un tema forte come questo e non basta essere grandi lettrici (la protagonista si diffonde sul suo amore per la lettura cominciato a tre anni) per scrivere un bel romanzo. Yalini passa dal terrorismo all'amore matrimoniale, dalla diaspora dei tamil alle vicende delle sue zie, e alla fine al lettore resta l'impressione di un paese visto da lontano, più amato che capito. Tradotto da Laura Prandino per Garzanti nel 2008.

Nessun commento: