sabato 9 gennaio 2016

l'anno sabbatico

è già da un po' che il marito manifesta inquietudine. Non sa cosa vuole: un giorno è sul punto di scalare i vertici della sua società, il giorno dopo vorrebbe prendersi un anno sabbatico e girare il mondo con uno zaino. Dal punto di vista affettivo non è molto più stabile: mentre eravamo in viaggio continuava a ripeterci che la prossima volta sarebbe partito da solo. I figli non la prendono bene ed esorcizzano dicendo, vi state separando, che bello avremo tutto doppio. Io mi sono stufata di seguirlo in questa altalena di umori. Ho seguito il suo esempio, mi sono tolta la fede e l'ho riposta in un cassetto; mi aiuta a ricordarmi che devo contare su di me più che su di lui. Non sono arrabbiata o delusa, gli dò, mi dò tempo, ci chiariremo le idee. Oggi siamo andati insieme al mare, stiamo rifacendo i pavimenti di casa nostra. Magari è una metafora ben augurante.

Nessun commento: