giovedì 4 febbraio 2016

non siamo meccanici

dopo una giornata passata sul mio computer a cercare di inserire i sottotitoli sul video dello scrittore turco, trovarmi ferma sulla Nomentana in balia di due buzzurri è stato davvero brutto. Credo che questa esperienza mi guarirà dalla sciocca abitudine di guardare Facebook mentre sono in fila al semaforo. E' successo che, appunto distratta dal telefono, non mi sono accorta che la strada era in leggerissima pendenza e con la macchina ho toccato quella davanti. Un tipo giovane e pelato ha subito gesticolato furioso, poi mi ha fatto cenno di accostare. Siamo usciti a guardare le due macchine; lui era in compagnia di un altro. Mi hai fatto un graffio, ha detto. Ma quale graffio, ho risposto. Facciamo il cid, ha proposto. Io non faccio nessun cid, perché non ho fatto nessun danno, scusami mi ero distratta un attimo. Allora chiamo i vigili. Chiamali pure. Lui si allontana al telefono, l'amico mi dice, noi non siamo meccanici, non possiamo quantificare il danno. Ma quale danno, dico io, e aggiungo, ma non avete niente di meglio da fare? Perché stiamo qui a perdere tempo? Dopo due fantomatiche telefonate, e dopo che l'amico mi aveva esposto la teoria dell''inculata" (oggi è toccata a te, un'altra volta sono stato io a tamponare e hanno inculato me), il guidatore magnanimo ha detto che se fossero venuti i vigili mi avrebbero fatto il verbale penale e che voleva risparmiarmi questo. Ha proposto di scambiarci i dati, io ho detto che non ero d'accordo. Lui ha fotografato le due macchine, io ho fotografato le due macchine. Sono risalita e me ne sono andata. Il leggero mal di testa che avevo a questo punto è diventato un super mal di testa, ma tutto sommato mi è andata bene.

Nessun commento: