giovedì 14 aprile 2016

a Dubai

sempre più spesso il marito esprime il desiderio di fare cose nuove, cambiare lavoro, città. L'ultima idea vagheggiata è quella di trasferirsi tre anni a Dubai. Da una parte mi fa piacere che non pensi già alle pantofole e alla pensione, dall'altra mi pare evidente che nel pacchetto delle cose da lasciare indietro ci sono anche io. Me ne farò una ragione. Posso sempre trasformare casa nostra (che è sua, ma è scontato che io ci resterei dentro) in un centro culturale (o pseudo culturale: invito chi voglio, parliamo di libri, ma anche di qualunque altra cosa). Io da Roma e dalla vita che faccio non ho intenzione di separarmi.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Hai visto mai Dubai?

Anonimo ha detto...

Potrebbe essere interessante!

Anonimo ha detto...

Ma 'nDubai?

volevoesserejomarch ha detto...

Vista una volta e non mi ha ispirato alcun desiderio di tornarci

Anonimo ha detto...

Più che Dubai fuggite alle Hawaii

Anonimo ha detto...

Immagina un coro mariachi romano: ahiahiahiahiahi vamo a dubbai

Anonimo ha detto...

Immagina coro mariachi/romano: ahiahiahiahiahi vamo a dubbai!