sabato 16 luglio 2016

ad Ankara, ieri

che il mondo sia divenuto una polveriera, che non ci sia più distinzione tra luoghi in cui viaggiare sicuri e luoghi da evitare è ormai purtroppo un fatto evidente. Salire ora in macchina con l'intento di percorrere la via della seta, far tappa a Istanbul e poi ad Ankara appare però, alla luce degli eventi di ieri, particolarmente sconsiderato. Il motivo per cui mia sorella abbia scelto con il marito e la figlia maggiore proprio questo momento per dirigersi verso il Kazachistan mi sfugge. So che ad Ankara sorvolata da aerei a bassa quota si sono presi un grosso spavento; hanno passato la notte collegati a internet per capire cosa stesse accadendo. Stamattina sono riusciti ad andarsene dopo colazione, mantenendo invariato il programma. Maddalena ha aperto un blog che si chiama Sì, viaggiare. Poteva aggiungere, a tutti i costi.

Nessun commento: