lunedì 11 luglio 2016

i benefici della distanza

dal Nicaragua ho interrotto le comunicazioni con il marito; ero arrabbiata con lui che mi aveva spedito via con tanto entusiasmo. All'inizio il silenzio mi pesava, poi ci ho preso gusto e quando lui ha cominciato a mandarmi messaggi non mi è passato per la testa di rispondergli. Ho pensato tanto a noi, al suo nervosismo, ai miei tentativi di non farci caso o di risolvere la situazione, e ho deciso di smetterla di subire le conseguenze della sua crisi esistenziale. Non volevo che venisse a prendermi ieri a Fiumicino; invece era lì, felice come una pasqua di vedermi e di riportarmi a casa. Certo il frigo era vuoto, più di un litro di latte non era riuscito a comprare... Non so come andrà a finire, magari tra due giorni riprende a scalpitare. So solo che se ci tiene a me non può permettersi di trattarmi male.

Nessun commento: