sabato 2 luglio 2016

il rombo dell'oceano

invece del traffico di Roma stanotte a pochi metri da me c'era il rombo delle onde, e non ero protetta da finestre insonorizzate: la sensazione era quella di stare in alto mare in piena tempesta. Mi sa che hanno dormito meglio i due ragazzi nella loro stanza vista montagna che io che affaccio direttamente sulla spiaggia. L'eco resort Playa Hermosa è una piccola e nascosta costruzione sull'Oceano Pacifico: di notte restano solo gli occasionali turisti e gli addetti alle pulizie; di giorno, affrontando il lungo sterrato, un pulmino scarica qui i surfisti e le loro tavole. Quando ha visto le onde mio figlio si è illuminato e in un istante lui e Tommaso si erano cambiati ed erano in acqua. La mattina io e il nipote c'eravamo fatti a piedi Granada in lungo e in largo mentre lui ci aspettava in hotel; alle dieci abbiamo trovato un tipo che ci ha caricato in macchina e, per un prezzo molto ragionevole, ci ha portati fin qui, attraversando tutto il Nicaragua del Sud. Bellissima la strada, circondata da alberi maestosi e ben curati. Non immaginavo un paese così verde e così poco selvaggio (probabilmente lo è, ma non in questa regione). Due giorni pieni per fare il bagno, camminare, raccogliere conchiglie, leggere. Sento la figlia in continuazione, deve essere lo stress post esami e poi le manco e non fa fatica a dirlo.

1 commento:

Anonimo ha detto...

È il rombo della vita che irrompe: fatti travolgere