lunedì 4 luglio 2016

paura

per essere sicuri di non perdere l'aereo per le Corn Island abbiamo preso un costosissimo taxi. Alle undici eravamo all'aeroporto di Managua. Alle due e trenta, con una mezz'oretta di ritardo, ci hanno imbarcato su un aereo minuscolo e decrepito. Il tempo di sorvolare Managua, tutti inclinati da un lato, e il comandante ha fatto dire alla hostess che saremmo tornati indietro. Solo questo. Io sono scesa dalla scaletta con le gambe molli. Solo io tengo alla mia pellaccia? I ragazzi hanno ripreso la partita a carte interrotta; c'è chi si beve una birra, chi legge, chi guarda il cellulare. Nessuno che chieda spiegazioni. Il solo pensiero di risalire quel l'aereo mi fa venire i brividi.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Dai un po' di avventura