mercoledì 27 luglio 2016

vieni a prendermi!

per una decina di giorni la figlia non ha fatto che mandare foto e messaggi pieni di entusiasmo: la Grecia di Paros e Santorini l'ha completamente conquistata. Oggi, in coincidenza con il ritorno, era in preda allo sconforto. Dalle otto di mattina mi ha bersagliato di messaggi su whatsapp, ho la febbre, non mi sento, non ce la faccio, vieni a prendermi all'aeroporto, il padre di Paolo non c'è, viene sempre lui. Voglia di vederla ne ho tanta, ma non abbastanza da arrivare fino a Fiumicino (per me impresa eroica, senza contare che domani torna il figlio e dovrei ripeterla). In più da tempo volevamo organizzare una cena con amici, loro potevano solo stasera; in due ore scarse devo fare la spesa per dieci e cucinare. Tornerà come una furia, si chiuderà in camera sua e ci tratterà da genitori infami per i prossimi giorni. Le gioie della maternità non finiscono mai.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Beh mandare un driver a prenderla?