domenica 16 ottobre 2016

Indivisibili


la prima inquadratura di Indivisibili ci mostra il ritorno a casa di tre prostitute. Sono su una spiaggia nera e si muovono barcollanti verso le loro baracche nell’ora in cui gli altri si alzano dal letto. Come Viola e Daisy, solo che queste gemelle diciottenni, si devono alzare insieme, fare pipì insieme, vestirsi insieme: sono nate unite per le cosce e i loro genitori le fanno cantare in pubblico sfruttando la curiosità della gente. Siamo a Castel Volturno e quello descritto da Edoardo De Angelis è l’ambiente più degradato che si possa immaginare: c’è un prete con assistente/amante nera che raccatta soldi da braccianti ipersfruttati e vecchie pensionate, ci sono camorristi che organizzano feste faraoniche per la comunione delle figlie, c’è un fantomatico manager musicale che ha una barca bordello. In mezzo a questo orrore le due ragazze mantengono una forma di integrità, si vogliono bene e riescono a proteggersi a vicenda, compensando l’una i difetti dell’altra. Quando un medico le incoraggia ad affrontare l’operazione per essere divise e attacca i genitori per non aver fatto prima l’intervento il sistema affaristico che ruota intorno alle gemelle entra in crisi. Brave bravissime le due esordienti Marianna e Angela Fontana, spaventoso il ritratto dell’Italia vista da Castelvolturno.

Nessun commento: