sabato 1 ottobre 2016

La vita possibile


cosa fai se tuo marito ti picchia e non riesce a smettere, nonostante le denunce e il dolore del figlio? Scappi con il ragazzino e cerchi di fargli perdere le vostre tracce. È quanto fa Anna (Margherita Buy) che lascia Roma e le comodità di una dimora borghese per trovare rifugio a Torino nella casa di ringhiera della sua amica Carla (Valeria Golino, un po’ in ombra in questo piccolo ruolo di attrice svampita e ridanciana). Il focus di La vita possibile, il nuovo film di Ivano De Matteo è su Valerio, il tredicenne che affronta la solitudine di una nuova città e una nuova scuola, mentre la madre è impegnata nel suo faticoso lavoro di pulitrice. Valerio fa amicizia con il barista barbuto del palazzo di fronte e con una giovane prostituta, che un giorno si concede una giornata alle giostre con lui; Anna è consapevole dell’infelicità del figlio e della sua fragilità, ma non sa cosa fare per aiutarlo (la psicologa a cui si rivolge le dice che per prenderlo in carico ci vuole il consenso del padre). Margherita Buy è bravissima: misurata e dolente; il quattordicenne Andrea Pittorino, fin troppo carino e capace (ha già fatto vari film, fiction e spot pubblicitari). Cinema civile che meriterebbe un suo spazio, invece in sala eravamo tre gatti.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Miao