domenica 27 novembre 2016

Qualcosa di nuovo


con i film di Cristina Comencini mi capita così: lì per lì non mi attirano, li recupero all’ultimo momento e ogni volta finiscono per piacermi. Mi era successo con Latin lover, è ricapitato con questo Qualcosa di nuovo. Comencini è brava a raccontare le donne, i loro bisogni, le loro contraddizioni. Nel cinema parrocchiale che di sabato pomeriggio traboccava di vecchiette, si sentiva la partecipazione del pubblico alle traversie di Lucia (Paola Cortellesi) e Maria (Micaela Ramazzotti) entrambe attratte da Luca, dal suo vigore e dal suo entusiasmo sessuale di dicianovenne e insieme spaventate all’idea di fare a quarant’anni suonati l’amore con un ragazzino che frequenta l’ultimo anno di liceo e ha la stanza in disordine. Purtroppo non mi sono goduta fino in fondo il film perché invece d’identificarmi con le fortunate protagoniste, mi sentivo la madre del ragazzo (molto abilmente presentata dalla regista solo come una voce fuori dalla porta): una rompicoglioni capace solo di fare domande.

Nessun commento: