giovedì 1 dicembre 2016

tokyo transit

la giornata di due trentenni che annaspano nel “pantano umanoide di Tokyo” inseguendo ognuno il suo vizio: Alberto, romano, il sesso; Thomas, maltese, la cocaina. Sin dalle prime pagine di tokyo transit esordio letterario di Fabrizio Patriarca (66tha2nd) è evidente l’intento di scandalizzare il lettore con quello che si racconta e con il modo in cui lo si racconta. Alberto si sveglia in preda a pensieri di annientamento con una prostituta nel letto, la “migliore scopata del mese”, “pallida, pronta all’uso”, “l’aveva ripassata fronte-retro con una certa condivisibile devozione” (c’è anche una macchia di sangue nelle lenzuola: “il sangue della ragazza: fuoriuscito con nipponica grazia quando le aveva infilato nel culo il telecomando del condizionatore, un articolo, peraltro, alquanto sobrio nel design”). Scrive Patriarca che “ogni giorno ci succede il riassunto di ciò che siamo” e ad Alberto, che si unisce all’amico Thomas nel tour tra i piaceri di Tokyo che questo organizza per quattro americani non succede poi molto (sì, uno dei turisti muore nel bagno di un ristorante, un altro fa a botte con i mafiosi locali, un altro ancora non si stacca dal bordello in cui è stato portato; Alberto stesso usufruisce dell’ “opzione geriatrica” con la sessantenne padrona di casa e si appresta a far sesso persino con il fratello di lei, cieco).  Attraverso i flash back scopriamo il passato di Alberto: viziato figlio di imprenditore della Roma bene ha lasciato la facoltà di lettere e alla morte del padre è stato costretto dal cognato ad abbandonare il suo posto di facciata nell’azienda, ottenendo uno stage in Giappone grazie alla scoperta casuale che il cognato si faceva anche la sorella con cui non era sposato. Poi c’è il curriculum di turpitudini private: da bambino Alberto si masturbava pensando alle sorelle e ha ucciso le paperelle portate a casa dal padre. Volutamente fastidioso per un romanzo così ci sta, ma il compiacimento per il proprio vigore stilistico? Com’è romanocentrica questa storia giapponese. 

Nessun commento: